1

Gen

2000

AUA AIA VIA

Obiettivi

Il corso si propone di formare una figura professionale, che sempre più è chiamata a fare luce sull’intricata e variegata normativa ambientale e sulle fasi procedurali delle istanze autorizzatorie a cui sono chiamate a rispondere le aziende produttive o gli impianti industriali, nell’ottica delle politiche di sviluppo sostenibile, stabilendo modalità e soluzioni organizzative, funzionali e produttive per minimizzarne l’impatto sull’ambiente.
Alla luce delle direttive europee in materia di IPPC e di VIA, che prevedono un approccio sistemico ed integrato sul rilascio autorizzatorio in materia ambientale a monte del processo produttivo, rafforzato nella Direttiva dal più generale rinvio ai principi di prevenzione (prevenire, ridurre ed eliminare l’inquinamento mediante un intervento alla fonte), sono stati introdotti importanti aspetti nella valutazione delle componenti che, come parte integrante del processo produttivo, interagiscono con l’ambiente. Pertanto, in funzione della tipologia della capacità produttiva (soglia dimensionale di produzione annuale) è definito il regime autorizzatorio, AIA o AUA, a cui l’azienda è assoggettata secondo la visione dell’approccio integrato, e gli obblighi tecnico-normativi da rispettare per l’esercizio dell’installazione sulle diverse matrici ambientali (aria, acqua, suolo, rumore, ecc.). L’AUA si applica a tutti quegli impianti (soprattutto alle PMI) che non rientrando nella precedente soglia sono esclusi di fatto dalle disposizioni AIA, per ricadere in un regime autorizzatorio più leggero, sicuramente, ma non meno articolato.
L’obiettivo del corso è quello di formare una figura professionale che, alla luce del quadro normativo e tecnico di riferimento, si occupi secondo le procedure AIA o AUA, delle azioni e degli obblighi connessi ad assicurare la corretta organizzazione nella gestione ambientale (rifiuti, emissioni in atmosfera, scarichi idrici etc ) da parte dell’impresa/opera e di vigilare sulla corretta applicazione della stessa seguendo l’ approccio integrato nella valutazione degli aspetti ambientali. Tale figura si colloca altresì nel processo decisionale di rilascio di VIA per la valutazione a monte degli impatti di opere e progetti su alcuni fattori ambientali e sulla salute umana.
Rientrano tra le mansioni:

 

  • la messa a punto di un piano di monitoraggio ambientale da parte dell’azienda ripetuto ed osservato con l’opportuna cadenza temporale;
  • la trasparenza del procedimento amministrativo e il coinvolgimento col pubblico;
  • il superamento dell’approccio finora adottato di “command and control” a favore di una collaborazione tra gestore, autorità competente, autorità di controllo.

 

Durante il corso saranno proposti esempi esplicativi dando l’opportunità ai presenti di portare in discussione anche tematiche di proprio interesse.

Programma

INTRODUZIONE E FINALITA’

  • Il Panorama normativo
  • L’Aia e l’Aua: analisi, caratteristiche e differenze per categorie produttive
  • Procedura di rilascio e rinnovo delle istanze
  • Modifiche sostanziali e non sostanziali
  • Cenni sulle disposizioni specifiche in materia di: Emissioni in atmosfera, Scarichi idrici, Acustica ambientale, Gestione rifiuti
  • Il sistema dei Controlli delle agenzie Ambientali (Ispra e Arpa) e degli Enti preposti
  • Il processo decisionale della VIA
  • Scopo e finalità della V.I.A.
  • Il procedimento di V.I.A
  • L’istanza
  • Lo studio di impatto ambientale
  • La fase istruttoria: la consultazione
  • L’inchiesta pubblica e il giudizio di compatibilità ambientale
  • Il contest del monitoraggio ambientale nei processi autorizzatori ambientali
  • Esercitazioni

 

DESTINATARI: Le tematiche affrontate coinvolgono un profilo professionale che trova naturale collocamento:

  • nei ruoli manageriali di aziende con sensibilità ambientale, per tipologia di processo produttivo, settore di attività, vocazione e politica aziendale.
  • nei ruoli dirigenziali e tecnici all’interno di Pubbliche Amministrazioni a valenza territoriale ed ambientale (comuni, unioni montane, consorzi, province e regioni) o società pubbliche nei settori dei servizi territoriali ed ambientali
  • nei settori della consulenza tecnica per realtà pubbliche e private

Note

PROPEDEUCITA’ E COMPLETAMENTI:
Non sono segnalate propedeuticità
Può essere completato dai corsi:

  • Il responsabile tecnico della Gestione dei Rifiuti in Azienda
  • Tecniche di monitoraggio ambientale
  • La gestione statistica dei processi

Per conoscere tutte le nostre proposte in ambito metrologico e ambientale scarica il nostro catalogo formativo

puoi organizzare il corso anche presso la tua sede aziendale, per informazioni servizi.imprese@emitfeltrinelli.it

Richiesta informazioni

Preiscrizione

A COME STEM_A – L’INCLUSIONE IN NUMERI NELLA MUSICA E NELLE SOUND ARTS

All’interno della manifestazione STEMintheCity 2021 Giovedì 29 aprile dalle ore 11:30 alle ore 12:30 in diretta facebook sulle pagine di EMiT Feltrinelli IN DIRETTA SU facebook.com/emitfeltrinelli in collaborazione con CURATING DIVERSITY Curating Diversity è un progetto creato nel 2018 dalle musicologhe Valentina Bertolani e Luisa Santacesaria. L’obiettivo di Curating Diversity è far conoscere le sfide […]Leggi >

NUOVI CORSI METROLOGIA

EMiT Feltrinelli propone un nuovo Catalogo di  corsi per l’area metrologica rinnovato e ampliato per rispondere sempre più alle richieste dei nostri clienti e del mercato di riferimento, compresa una formazione completamente finanziata sui fondi interprofessionali.Leggi >

LA MIA SCUOLA IN RETE

Prosegue progetto “La MIa scuola in rete” grazie al contributo del Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale di Intesa San Paolo e in rete con la Direzione Educazione del Comune di Milano.Leggi >